Vitamina D: quando, come e perché assumerla

Integrazione Vitamina D

Durante il corso della vita, le ossa come la pelle e come la mucosa intestinale, sono continuamente sottoposti a turnover in processi definiti come “modellamento” nei bambini in fase di crescita e “rimodellamento” negli adulti. 

Il riassorbimento e la deposizione di massa ossea rimangono in equilibrio fino alla menopausa nelle donne e fino al termine dell’età media negli uomini. Da allora in poi il riassorbimento osseo supera la formazione conducendo all’osteoporosi nelle decadi successive.

Quali sono i fattori che influenzano il raggiungimento e il mantenimento del picco di massa ossea?

Sono diversi i fattori che determinano il raggiungimento ed il mantenimento del picco di massa ossea: 

  • i fattori genetici, 
  • i fattori ormonali e tra questi gli ormoni sessuali (estrogeni e testosterone dalla pubertà fino alla mezza età), 
  • l’assunzione di Calcio con gli alimenti e lo stato della vitamina D

ultimi, ma non meno importanti 

  • i fattori derivanti dallo stile di vita, come l’esercizio fisico, l’apporto calorico-proteico dell’alimentazione, il consumo di alcol e il fumo.

L’esercizio fisico, l’attività di carico, le forze di sollecitazione applicate all’osso influenzano, in modo importante, la sua resistenza. Al contrario l’immobilità, dovuta a un prolungato allettamento, causa perdita ossea.

Nell’alimentazione, le fonti più ricche e disponibili di Calcio sono rappresentate dai latticini. L’efficienza dell’assorbimento di Calcio è condizionata dal pH e da altri componenti del cibo quali ossalati (spinaci) e fitati (cereali integrali, legumi e frutta secca) che ne riducono l’assorbimento. Anche le bibite gasate con elevato contenuto in acido fosforico possono ridurre l’assorbimento del Calcio.

Allo stesso modo un deficit di Vitamina D determina un ridotto assorbimento di Calcio, un’alimentazione eccessivamente ricca di proteine o di cloruro di sodio (sale) aumenta l’escrezione di Calcio nelle urine, così come un elevato consumo di caffeina (più di 5 tazze al giorno di caffè o tè).

Cos'è la vitamina D e dove la possiamo trovare?

La vitamina D è una vitamina liposolubile essenziale per molte funzioni del nostro corpo, dalla produzione di quelle molecole che regolano il buon umore e ci aiutano a sentirci bene e a combattere la depressione, fino al mantenimento dello stato di salute delle nostre ossa e muscoli.

Questa vitamina è essenziale per l’equilibrio del sistema immunitario, spegne l’infiammazione dannosa al nostro corpo e, allo stesso tempo, stimola la funzione di difesa contro le infezioni e contro i tumori.

Tra gli alimenti che la contengono maggiormente nominiamo i pesci grassi, come il salmone, l’aringa, lo sgombro e le sardine, altre fonti sono rappresentate dal tuorlo d’uovo il latte e i suoi derivati.

Per la maggior parte però, la vitamina D viene sintetizzata dalla pelle, sotto la stimolazione dei raggi del sole. Chi trascorre molto tempo all’aria aperta, con parte del corpo scoperto fa in modo che la pelle possa essere stimolata dal sole. 

Al contrario, in inverno, quando il sole si vede poco e comunque ci copriamo per il freddo e nel caso di quelle persone che, per una serie di ragioni, non escono di casa e vivono prevalentemente al chiuso, la produzione di vitamina D può essere insufficiente, rispetto alle richieste del corpo.

L'importanza delle analisi del sangue

L’unica carenza vitaminica, diffusa nella popolazione europea, riguarda proprio la vitamina D. 

Tra le analisi che dovremmo fare annualmente risulta estremamente utile, inserire il controllo dei livelli di Vitamina D nel sangue e, nel caso di ipovitaminosi, cioè di una carenza di questa vitamina, è fondamentale rivolgersi al proprio medico, in maniera tale da valutare la giusta integrazione.

Allo stesso modo, potranno essere valutate, sempre tramite le analisi cliniche, altre carenze, come quelle delle vitamine del gruppo B.

Un’integrazione molto importante è quella della vitamina B12, indispensabile in tutti coloro che seguono una dieta vegana. Questa vitamina è del tutto assente nel mondo vegetale e la sua carenza ha effetti gravissimi.

Per approfondire l’argomento leggi il mio articolo precedente su quando prendere gli integratori e sulla funzione e come assumere nel miglior modo le vitamine:

In conclusione, come medico dietologo ritengo essenziale far comprendere l’importanza cruciale della Vitamina D per la salute complessiva, in particolare per la salute ossea. È fondamentale educare i pazienti sull’importanza di ottenere una quantità adeguata di questa vitamina, sia attraverso l’esposizione sicura al sole che attraverso una dieta equilibrata o eventuali integratori, se necessario. Sottolineo anche l’importanza di uno stile di vita sano e di scelte alimentari consapevoli per garantire un adeguato apporto di vitamina D e per mantenere una salute ottimale nel lungo termine.

Infine, se hai domande o preoccupazioni sulla tua salute ossea o sull’importanza della vitamina D, sono qui per te per discutere le tue esigenze specifiche e creare un piano personalizzato per migliorare la tua salute. 

Contattami per telefono per fissare una consulenza dietologica al +39 379 1709817.
Ti aspetto nel mio Studio Medico a Tortolì in Ogliastra o su appuntamento a Cagliari, Jerzu e Villaputzu.

Oppure fissa direttamente un’appuntamento dalla mia agenda online qui sotto.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *